Compulab Utilite2, un nuovo PC veramente Mini

Compulab ha da poco presentato la nuova generazione del suo mini-PC Utilite. L'inedito Compulab Utilite2 impiega un chip Snapdragon 600 in un case di metallo con tecnologia fanless e supporta sia Android che Ubuntu.


compulab-utilite-2-1

Quella dei mini-PC è una categoria di terminali “peso piuma” sempre più diffusa e richiesta. Molti, anche quelli che non sono strettamente addetti ai lavori, conoscono il nome di prodotti come il Raspberry Pi che, nelle sue varie incarnazioni, ha rapito la curiosità e l'ingegno – e poche decine di euro – di molti appassionati di elettronica ed informatica.

Questi piccoli terminali si prestano a molti usi ed applicazioni ed il Raspberry è in effetti uno tra i più piccoli in circolazione. Tra i vari competitori della britannica Raspberry Pi Foundation troviamo Compulab, uno dei più riconosciuti produttori, tra le altre cose, di sistemi fanless in miniatura.

Compulab è pronta a presentare la prossima generazione della sua line-up di PC ultra-compatti che prenderà forma nel Compulab Utilite2, successore del mini-pc Utilite. Il dispositivo si avvicina, nelle dimensioni, al Raspberry poiché l'intero sistema è racchiuso in uno chassis di alluminio le cui dimensioni sono 85 x 85 x 27 mm.
compulab-utilite2-2

A dispetto delle dimensioni la configurazione è ben più articolata di quella tipica dei mini-PC. Il piccolo involucro ospita un system-on-chip ben noto soprattutto nel mondo mobile, il Qualcomm Snapdragon 600 con processore quad-core a 1,7GHz ed una GPU Adreno 320 accompagnati da 2GB di RAM DDR3-1066 e supportati da una capacità di archiviazione nativa di 4GB. Sono inoltre presenti uno slot mSATA per SSD fino a 512GB ed una porta microSD per schede da 128GB. L'Utilite 2 conta una porta HDMI 1.4a, quattro slot USB 2.0 nonché connettività Wi-Fi e Bluetooth 4.0.

Il pc supporta sistemi operativi Android, fino alla versione 4.4.3, ed Ubuntu ed ha un consumo ipotetico di 3-8 watt.

Compulab ancora non ha dichiarato il prezzo dell'Utilite2 che, se fosse simile a quello del suo predecessore, ovvero 99$, lo renderebbe un ottimo regalo da mettere sotto l'albero a Natale.

Via | Geek

  • shares
  • Mail