Questa semplice cintura può caricare i tuoi smartphone e tablet

La cintura XOO vi consentirà di caricare il vostro smartphone senza che nessuna se ne accorga

Il progetto che vi presentiamo oggi è la cintura XOO, senz'altro meno entusiasmante del cubo da 25 pixel che insegna ai bambini a programmare, ma neanche così brutto da essere scartato a priori. Partiamo dai difetti per poi passare ai pregi: io personalmente non mi fiderei di tenere una batteria inserita in una cintura, per quanto sicuro questo sistema possa essere; come se non bastasse, la batteria in questione arriva a circa 2mila 200 mAh, quindi permette di caricare soprattutto iPhone, ma già con gli Android son problemi (soprattutto se avete uno degli ultimi modelli, e quindi - immagino - non avrete neanche molta urgenza di caricare, visto che l'amperaggio è molto alto). Non smettete di leggere, però, perché la cintura XOO potrebbe piacervi.

La trovate su Indiegogo, piattaforma di crowfunding che, come Kickstarter, non ha bisogno di presentazioni: al momento il budget richiesto non è stato ancora raggiunto - parliamo di neanche 35mila dollari su 50 -, anche se dubitiamo che non lo sarà fino alla scadenza (manca poco, no?). Per acquistarlo dovrete pagare 155 dollari, che non sono proprio pochi, visti i difetti a cui abbiamo fatto cenno, e a cui aggiungiamo pure il fatto che le spedizioni inizieranno a luglio 2015, con l'implicita conseguenza che fino alla prossima estate ne potranno uscire di progettini del genere.

Approfondisci: un caricabatterie davvero piccolo per i tuoi device

Cintura XOO: conviene acquistarla?


cintura xoo

Il video che mostra la cintura XOO è chiaro: la batteria è praticamente integrata nella cintura, con un piccolo cavo magnetico che la collega allo smartphone, intanto in tasca o chissà dove. La fibia che vedete è ancora in fase di sperimentazione, quindi non è quella ufficiale: se dovesse interessarvi un prodotto del genere, vi consigliamo di consultare il link alla fonte e di dar via al vostro preordine. Ma pensateci bene, dateci retta!

Via | IndieGogo

  • shares
  • Mail