I segreti della nascita dei pianeti tutti in una splendida foto

Una foto quasi rivoluzionaria per gli studi sulla formazione dei pianeti: ecco perché

disco planetario hl tauri

La foto è splendida, anche se per qualcuno potrebbe non voler dire nulla di primo acchitto: si tratta di un'immagine che smentisce, infatti, ciò che si pensava finora sulla nascita dei pianeti, non totalmente, questo è ovvio. Nella foto che vedete qui sotto trovate dinanzi a voi una culla di pianeti, vale a dire il disco di polvere entro il quale si forma tutto un sistema planetario attorno a una stella: il nostro sistema è definito "solare" proprio perché i pianeti ruotano attorno al Sole, che è una stella, a differenza della Luna.

Approfondisci: sapevi che la Luna non è il solo satellite della Terra?

L'osservazione è stata compiuta dai ricercatori dello European Southern Observatory dall'osservatorio cileno Atacama Large Millimeter/submillimiter Array: una sorpresa per gli occhi degli esperti, una meraviglia per gli occhi degli appassionati e di coloro che seguono con attenzione tutte le ultime scoperte sul cosmo. I ricercatori hanno puntato le antenne su HL Tauri, stella a 450 anni luce da noi, circondata proprio da questo disco di polvere: tale stella non ha più di un milione di anni, nonostante il disco che la circondi sia pieno di pianeti in formazione. Cosa vuol dire questo?

Approfondisci: le teorie del complotto sullo sbarco lunare

Si tratta proprio della scoperta di cui parlavamo all'inizio: data l'età del sistema, molto giovane, ci si aspettava un disco meno sviluppato; ciò vuol dire che i pianeti si formano in meno tempo rispetto a quanto si era creduto sinora: le stelle si formano da nubi di gas e di polveri che poi formano nuclei densi e caldi che si accendono e diventano giovani stelle; queste ultime, a loro volta, sono avvolte da gas e polvere che si adagia sul disco detto "proto-planetario", ed è proprio lo studio di questo disco che ci permette di capire come si formano i pianeti e tutti i sistemi planetari: anche il nostro, dunque, nato circa quattro miliardi di anni fa.

Via | Sploid

  • shares
  • Mail