Cina, successo per la prima missione attorno alla Luna da 40 anni

Sono i cinesi i primi a mandare una sonda attorno alla Luna per poi farla tornare nella nostra atmosfera dopo quasi 40 anni.

Sonda cinese vola attorno alla Luna

È ufficiale, sono i cinesi i primi ad aver lanciato una sonda per farle fare un’orbita attorno alla nostra Luna allo scopo di recuperarla con successo. Dopo aver mandato un rover, la Cina si è impegnata in un esperimento che fa da battipista per una futura missione in cui una discendente diretta di questa sonda spedirà una componente a raccogliere campioni sul suolo lunare, per poi recuperarli e spedirli sulla Terra. Una buona notizia dopo il disastro dell'Antares della scorsa settimana.

Fino ad oggi gli unici ad essersi impegnati con successo in questa impresa sono stati gli americani e i russi, e parliamo di 40 anni fa. Lo step successivo è imminente, e le autorità aerospaziali della Cina hanno dichiarato che la missione - per il momento senza personale umano - toccherà il suolo lunare già nel 2017.

I cinesi hanno avuto modo di testare e risolvere tutti i problemi di questo tipo di missione, ripercorrendo il sentiero irto di pericoli già percorso con successo variabile quasi mezzo secolo fa dalle due superpotenze che si sono affrontate durante la guerra fredda. In particolare con l’atterraggio in Mongolia Interna della sonda (battezzata semplicemente Veicolo Sperimentale Cheng 5), il grande paese asiatico ha avuto modo di provare un rientro atmosferico, assicurandosi di avere il know how per recuperare i propri campioni.

La sonda si è frenata contro l’atmosfera usando un metodo testato con successo a suo tempo dai sovietici, rimbalzando una volta prima fare il rientro appena prima dell’alba (locale) di ieri. Lo scafo, un po’ bruciacchiato ma integro, ha toccato il suolo delle sconfinate praterie mongole ed è stato raggiunto dal personale cinese in poche ore. Il suo viaggio è durato solo otto giorni, ed è stato il primo simile dopo quattro decadi.

La Cina ha grandi progetti per lo spazio, ed ha mandato per la prima volta un astronauta in orbita nel 2003. Il suo programma spaziale è iniziato con l’aiuto dei russi ma è continuato indipendentemente. Ora ci sono in programma satelliti fotografici ad alta risoluzione, missioni umane, che in un futuro neppure troppo remoto metteranno piede sulla Luna, dopo le sonde robotiche. E allo scopo, la Cina sta già progettando un razzo vettore con una portata maggiore, il Lunga Marcia 5, che verrà usato per allestire una stazione spaziale permanente chiamata Tiangong 2.

  • shares
  • Mail