PiBot: un robot capace di pilotare un aereo

Nuovi sistemi di pilotaggio sono allo studio in ambito aeronautico, per sostituire gli esseri umani con delle macchine. La prospettiva impone un dibattito.

Anche un aereo potrebbe essere pilotato da un robot. I ricercatori coreani stanno sviluppando un automa la cui intelligenza artificiale è in grado di gestire le danze di un velivolo in quota. Al momento la sperimentazione è stata fatta al simulatore, con risultati interessanti, ma io preferisco la presenza degli uomini in cabina di pilotaggio, per la loro maggiore versatilità nelle situazioni impreviste.

pibot

Il prodotto di cui ci stiamo occupando si chiama Pibot. La sua nascita si deve a un team di scienziati di un istituito tecnologico della Corea, che ha pensato a questa alternativa per la gestione degli aeromobili.

La soluzione sembra fatta su misura per le compagnie aeree in conflitto con il personale di volo. Scherzi a parte, ci si interroga sul futuro di soluzioni del genere. Io preferisco la gestione dei velivoli da parte di soggetti in carne ed ossa, magari con il supporto di tecnologie sempre più sofisticate, ma tanta gente è al lavoro per rivoluzionare il trasporto aereo. Speriamo, almeno, che i cambiamenti si traducano in miglioramenti, visto che il nesso fra le due cose non è scontato.

Virgin Galactic: avventure nello spazio con un'astronave commerciale

Fra i tanti esperimenti effettuati con l’intelligenza artificiale, Pibot è uno dei più particolari, perché questo robot usa i comandi come se fosse un pilota tradizionale. Le sue misure sono state tarate sulle specifiche dei velivoli attualmente in servizio, per consentire un impiego senza modifiche alle cabine di comando.

Il prodotto nasce dalla modifica del Biolid Premium, con un investimento molto contenuto. Pibot riconosce e gestisce i pulsanti e gli interruttori sul pannello di controllo, usa agevolmente il joystick e il timone, acquisisce le informazioni e applica di conseguenza tutte le manovre per gestire un decollo, un cambio di rotta, un atterraggio. Il video che accompagna questo post lo vede all’opera su una cabina virtuale di un Piper Comanche PA 24-250, con comportamenti simili a quelli dell’uomo, ma solo apparentemente. La sperimentazione sta proseguendo in condizioni più realistiche.

Via | Generation-nt.com

  • shares
  • Mail