Esoscheletri per agevolare il lavoro dei vigili del fuoco

Gli esoscheletri hanno un potenziale notevole in vari ambiti operativi, dove la loro applicazione sarà sempre più diffusa in futuro.

Gli esoscheletri si prestano bene all’uso da parte dei vigili del fuoco. Questi apparecchi cibernetici esterni sono in grado di potenziare le capacità fisiche dell’utilizzatore che ne viene rivestito.

Il risultato è una sorta di “muscolatura artificiale”, molto utile per gli addetti alla nostra sicurezza, specie in caso di incendio, conferendo loro dosi aggiuntive di forza, agilità, velocità, potenza ed altro ancora.

escoschelet

La scelta degli angeli del salvataggio per il prodotto di cui ci stiamo occupando è un fatto naturale, perché nel loro caso l’utilità è ai massimi livelli. Gli ingegneri lavorano da anni su questa tecnologia, per cercare di renderla meno invasiva possibile, esaltandone al tempo stesso le funzionalità, anche sul piano della protezione.

Raytheon: nuovo esoscheletro XOS 2, sempre più vicino ad Iron Man

Gli esoscheletri sono nati principalmente come mezzo per ripristinare la mobilità degli uomini e per aumentarne le loro capacità fisica nel caso di deficit di varia natura, ma gli sbocchi di questa tecnologia sono a più ampio raggio, come confermano le ricerche scientifiche degli ultimi tempi, condotte su una ricca gamma di prospettive.

Molto interessante risulta l’applicazione al lavoro dei vigili del fuoco, che potrebbero essere la figura professionale più adatta a beneficiare dei vantaggi degli esoscheletri. Strutture semplici, adeguatamente configurate, possono aiutare a trasportare carichi o a spostare macerie in modo più rapido ed efficace, aumentando il grado di sicurezza degli operatori.

L’idea è in cammino all’Università di Melbourne, dove è in prova un modello in grado di trasportare più di 100 chilogrammi, anche nelle scale, dove l’agilità sarebbe agevolata da articolazioni motorizzate, che alleviano ulteriormente il carico, rendendolo a misura di uomo normale, anche se ben allenato come nel caso dei pompieri.

Così si potrebbero salvare più vite e compiere missioni più estreme, senza accentuare il rischio per l’addetto, che potrebbe liberarsi con un tocco di pulsante della struttura, quando per doversi districare in una situazione estremamente complessa ciò fosse necessario. Terremo d'occhio la cosa per vedere che sbocchi avrà.

Generation-nt.com

  • shares
  • Mail