Intel studia le auto che si guidano da sole, propone nuovi sistemi di intrattenimento

"Segua quella macchina!" Intel scatta all'inseguimento di Google e annuncia di voler studiare la possibilità dell'auto che si guida da sola.

intel

Intel, con un giorno di ritardo rispetto all’annuncio dell’auto che si guida da sola di Google, ha tenuto una conferenza stampa internazionale via webcast, che ha dettagliato gli sforzi della corporation per ricercare e eventualmente mettere sul mercato l’ormai bramatissima auto robotica. Ma sono davvero gli utenti a volerne una, oppure sono le grandi aziende informatiche a essersi messe in testa che ci serve?

Per il mondo di noi normali, frustratissimi, automobilisti, l’idea di trovarsi in un’auto che non ha controlli è un po’ allarmante, ma un futuro fatto di traffico robotico e privo di incidenti e nervi non ci dispiace poi così tanto.

LEGGI ANCHE: Google e le auto, il rapporto tra Mountain View e l'automotive

Intel al momento è rimasta un po’ indietro rispetto alla concorrente Google, ma sembra davvero intenzionata a esplorare le proprie possibilità in merito, anzi, di supportare la stessa Google condividendo i risultati di una ricerca appena iniziata: lo studio delle interazioni tra auto e conducente, con tutte le abitudini che si vanno a formare e come rendere un robot altrettanto (o più) efficiente.

Infotainment


Lo ammetto: sono il primo a non trovare “Infotainment” una bella parola, ma la uso lo stesso per descrivere quelli che invece sono gli obiettivi a breve termine di Intel, che userà i risultati di queste analisi comportamentali per sviluppare sistemi di bordo più avanzati e soprattutto ergonomici. Gli investimenti in questo senso saranno molto ingenti - creare auto che si guidano da sole non è un progetto sbrigato a breve, né si ottiene a buon mercato - e una ricaduta positiva sarà una generale picchiata dei prezzi di sistemi di intrattenimento automobilistico che oggi si vedono solo sulle ammiraglie.

Possiamo aspettarci quindi un 2014 e 2015 all’insegna dei moduli computerizzati per le automobili, che si evolveranno in pochi anni in una vera e propria robotizzazione delle automobili.

  • shares
  • Mail