Smart Gun, cosa sono e come funzionano le pistole intelligenti

Sono armi molto particolari e hanno diviso l'opinione pubblica americana: ecco a voi le smart gun

In Italia non si sente ancora parlare, per fortuna, di smart gun; in America, però, l'argomento è dibattutissimo e le correnti di pensiero sono due: c'è chi crede che queste pistole intelligenti non siano tanto sicure da poter essere usate senza cautela e c'è chi pensa che gli investimenti debbano essere dirottati tutti verso programmi educativi e non verso il potenziamento di tecnologie del genere; si contrappongono agli oppositori per la sicurezza e per l'etica coloro che hanno sostenuto il progetto e che ritengono possano essere fatti non pochi passi avanti nel settore.

Ma cos'è una smart gun e come funziona? Si tratta di un nuovo tipo di arma - non solo pistole, visto che il primo modello è stato un fucile a pompa - che è capace di identificare il possessore (talvolta univocamente) e quindi di impedire l'uso a chi non ha l'autorizzazione. Il nome "smart gun" è stato registrato proprio da Mossberg, uno dei colossi del settore, che vanta decine di miliardi di euro sul suo conto: non si può certo dire, insomma, che il progetto non sia ben supportato. E neanche che sia in cattiva compagnia, visto che i dispositivi smart sono moltissimi: pensate soltanto alle recenti magliete OMSignal.

Se il primo modello è statp un fucile a pompa, il secondo si chiama Armatix iP ed è stato realizzato da un'azienda tedesca di piccole dimensioni. Armatix sta lavorando anche a una tecnologia che permetterà, in un futuro molto lontano a quanto pare, di distinguere un bersaglio di carta da uno reale (quasi incredibile quanto il braccio robotico che difenderà i satelliti nello spazio).

Opinione pubblica divisa: sicurezza assicurata?


foto smart gun

Chi più chi meno, insomma, tutti stanno lavorando su questi sistemi, nonostante le critiche dell'opinione pubblica: in molti credono che queste armi potrebbero non funzionare (cioè non riconoscere il possessore) nel momento del bisogno e quindi, invece di aumentare la sicurezza, diminuirla drasticamente. A tutto questo poi aggiungete che la batteria interna dovrebbe essere tenuta sempre in carica, per rendere il sistema efficiente. Non pochi contro, dunque, per dei pro che forse hanno importanza solo in un continente come quello americano.

Via | Engadget

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. È disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail