Apple VS Samsung, ecco perché la Mela ha chiesto 2 miliardi di dollari

Perché Apple ha chiesto 2 miliardi di dollari a Samsung? Ecco cosa spiegano due esperti ingaggiati da Cupertino

Apple e Samsung si daranno battaglia per una causa che vale ben 2 miliardi di dollari, che non sono altro che la somma chiesta da Apple in qualità di risarcimento dei danni subiti. Troppo alta, dite? Per molti di noi sì, e sicuramente anche il giudice diminuirà l'importo, ma per Apple no: ecco perché la compagnia ha fatto ricorso a due grandi espersi per aggredire i coreani su tutti i fronti.

Il primo è John Hauser, professore di marketing del MIT Sloan School of Management, secondo il quale appropriarsi indebitamente di alcune tecnologie - quelle Apple, ovviamente - sarebbe servito a Samsung per rendere i suoi dispositivi molto più interessanti: è stato condotto un sondaggio sulle scelte dell'utenza coreana - erano in 966, ripartiti tra possessori di tablet e possessori di smartphone - ed è emerso che, per ogni singola feature contesa gli utenti pagherebbero tra i 32 e i 102 dollari; cifra che diventa stratosferica, se considerate quanti e quali dispositivi Samsung sono stati venduti.

Perché Apple ha chiesto 2 miliardi di dollari?


apple samsung

Chris Vellturo, esperto di economica, è stato ingaggiato, invece, per spiegare come mai si sia arrivati a 2 miliardi di dollari:

"È un mercato moto ampio e Samsung ne ha tratto immensi profitti. [...] La presunta violazione perpetrata da Samsung è giunta in un periodo di crescita considerevole, in un mercato in piena esplosione, in cui la gente stava comprando il suo primo smartphone. [...] È un periodo particolarmente significativo in cui è avvenuta la violazione da parte di Samsung".

Questo perché il primo acquisto è quello che condiziona, poi, l'utente, che potrà decidere di continuare ad acquistare prodotti di quel produttore oppure no. Chi avrà ragione alla fine?

Via | Melablog

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. È disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.
  • shares
  • Mail