Brevetti, tra Apple e Samsung spunta Google (a favore dei coreani)

Google è stata chiamata a testimoniare a favore di Samsung e contro Apple nella guerra legale dei brevetti

La guerra tra Apple e Samsung per i brevetti è nota a tutti e finora, per di più, ha visto vincere la Mela: Samsung è stata infatti obbligata a versare ben 890 milioni di dollari, anche se siamo ancora al primo grado e la situazione potrebbe cambiare notevolmente con la testimonianza di Google. Ma procediamo con ordine.

I brevetti contesi riguardano: una tecnologia per gli hyperlink, un sistema per la sincronizzazione dei dati in background, alcune funzioni di Siri, l’auto-completamento e lo slide to unlock; tutte tecnologie importanti, insomma, che hanno visto coinvolti, in quanto alle infrazioni, Samsung Galaxy S 3, Galaxy Note 2 e il Galaxy Tab 10.1. Le rivendicazioni di Samsung sono intuibili: è normale che il colosso coreano abbia cercato in tutti i modi di dimostrare che queste tecnologie le siano state concesse in licenza (da Google, ovviamente) e che Apple non possa avanzare alcuna pretesa perché qualcuno aveva iniziato a lavorarci su ben prima di lei (sempre Google).

Ecco quanto si legge su The Wall Street Journal:

"Per aiutare Samsung a difendersi, ci si aspetta che gli ingegneri di Google vadano alla sbarra per confutare le argomentazioni di Apple secondo cui iPhone è tutta farina del suo sacco. Andy Rubin, l’ex capo del business mobile di Google cui è demandato lo sviluppo di Android, è tra i potenziali testimoni. Tra l’altro Rubin lavorò per Apple tra il 1989 e 1992".

Spunta Google tra Apple e Samsung


samsung apple google

Ancor più interessanti le parole di Michael Carrier, esperto di brevetti e insegnante di legge alla Rutger University del New Jersey:

"Google sarà molto più presente che in tutti i casi precedenti. Google contro Apple suona più come uno scontro tra titani per la stessa terra".

Staremo a vedere come si concluderà questo scontro e se Google servirà a ribaltare il primo esito del processo.

Via | Melablog

  • shares
  • Mail