Toshiba presenta il primo schermo resistivo multitouch


Resistivo vs capacitivo: è da tempo ormai che incalza la battaglia fra queste diverse tipologie di display, discriminando certi dispositivi a vantaggio di altri. Il fatto è che ognuno sceglie il suo schermo ideale in base a diversi fattori: ad esempio io non potrei mai comprare uno smartphone con schermo capacitivo, non potendo utilizzarlo con unghie ricostruite; al contrario però, in molti elogiano gli schermi capacitivi, perchè oggettivamente più reattivi al tatto e soprattutto multitouch, cioè in grado di supportare input in più punti e quindi con più dita.

Toshiba, durante l'Embedded Worlf 2011, ha però presentato un prototipo di schermo che potrebbe cambiare totalmente il modo di vedere questa diatriba: il display in questione sarebbe infatti di tipo resistivo, ma per la prima volta supporterebbe il multitouch. I costi di produzione sarebbero comunque più bassi rispetto a quelli degli schermi capacitivi, e da qui proverrebbe il primo vantaggio oggettivo.

Altri vantaggi comprenderebbero la possibilità di utilizzare comunque questi schermi come dei resistivi tradizionali, quindi con pennino oppure con i guanti, utilizzi finora limitati o completamente assenti per gli schermi capacitivi.

Il prototipo di Toshiba, ancora in fase di realizzazione ma forse già in commercio entro la fine dell'anno, è stato per ora pensato per il segmento industriale e per l'ambito medico, ma ciò non esclude che presto possa arrivare anche sotto le dita di milioni di tech-addicted ansiosi di trovare una sintesi che superi i limiti sia del capacitivo e che del resistivo.

[Via Akihabara]

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: