Snapchat attacco hacker ha reso pubblici oltre 4,6 milioni di numeri e username

E se Snapchat avesse accettato i 3, o anche 4, miliardi di dollari che Facebook e Google offrirono qualche mese fa?

Snapchat hacker USA

 

Gli avidi creatori della chat fantasma in quell’occasione dissero di no, per cercar di spuntare qualcosa in più nel corso del 2014, magari 5 o più miliardi.

Il rischio di restare con un pugno di mosche in mano, lo dicemmo, era concreto e chissà se quanto sccesso a Snapchat negli scorsi giorni non contribuirà a questa ipotesi.

È stato un gruppo di hacker a pubblicare una cospicua lista di nomi, numeri e nickname degli utenti di Snapchat sul portale SnapchatDB.info, ora oscurato ma che, per diverso tempo, ha mostrato un vero e proprio data base di utenti iscritti.

4,6 milioni nella rete degli hacker


Sono ben 4,6 milioni, sui 30 milioni complessivi, le persone che sono state messe a nudo dagli hacker nonostante i creatori della "chat fantasma" fossero stati avvertiti dal gruppo australiano Gibson Security del pericolo concreto che qualcuno potesse aver accesso ai dati degli iscritti.

Le contromisure di Snapchat


Alacremente al lavoro gli uomini di Snapchat per rafforzare la sicurezza della loro creatura nonostante gli hacker, che hanno diffuso informazioni parziali, almeno per il momento, abbiano promesso che la prossima volta l’attacco sarà ancor più pesante e i dati diffusi più precisi.

Un futuro meno...ricco?


Non una gran figura per una realtà che vorrebbe volare alo e si è permessa di rifiutare faraoniche offerte per volare ancor più in alto. Se le ali della sicurezza, però, si riveleranno esser fatte di cera potrebbero presto sciogliersi e il sogno dei 2 fondatori, Bobby Murphy e Evan Spiegel, tramutarsi in un incubo.

Via | IntoMobile

  • shares
  • Mail