Kinect: link e risorse per effettuare l'hack

Interactive Puppet Prototype with Xbox Kinect from Theo Watson on Vimeo.

Abbiamo visto nei giorni scorsi alcuni esempi di hack per il Kinect di Microsoft, modifiche in grado di trasformare un dispositivo di gioco in molto di più. Il Kinect sembra essere il sogno degli hacker, poichè ben predisposto alle modifiche: la combinazione di input digitali, movimenti fisici, suoni e immagini possono ispirare utilizzi alternativi che vanno ben oltre i videogiochi proposti da Microsoft. Alcuni hacker hanno trasformato il Kinect in uno strumento per gli effetti speciali, la musica, il 3D e la creazione di "cuccioli virtuali", come potete vedere nel video in apertura.

Prima di mostrarvi tutti gli altri hack divenuti famosi su Internet in questi giorni, sarà interessante ripercorrere le tappe di questa nuova tendenza. Per molti hacker il Kinect ha rappresentato immediatamente l'opportunità di prendere un pezzo di tecnologia prodotta da una grande compagnia e verificare cosa potesse realmente fare, oltre agli utilizzi canonici. Nel caso in cui il dispositivo fosse stato in grado di interagire con qualsiasi computer, nuove applicazioni sarebbero seguite a breve. Lo stimolo a far di più è arrivato anche dalla Adafruit Industries, un produttore americano di kit elettronici, che ha annunciato un concorso: 1000 dollari al primo che riusciva a far funzionare Kinect su Windows o qualsiasi altro sistema operativo. Come prevedibile ciò ha scatenato le ire di Microsoft, che ha involontariamente fornito ulteriori incentivi, annunciando che non avrebbe tollerato modifiche al Kinect e che la compagnia avrebbe lavorato con le forze dell'ordine per mantenere il dispositivo a prova di manomissione.

Tutto ciò ha scatenato ancora più interesse, tanto che sul blog della è comparso l'annuncio che il premio sarebbe stato duplicato a 2000 dollari. È quindi iniziata una vera e propria competizione. Il reverse engineering funziona come la violazione di codice: quando gli hacker curano le "conversazioni" tra un terminale e un computer, sono in grado di cogliere il linguaggio che i due utilizzano per comunicare. Purtroppo però il Kinect produce una gran quantità di dati dalla videocamera, dai quattro microfoni e dal sistema di visione della profondità. Leggere e registrare questi dati richiede hardware specifico, un analizzatore USB che la Adafruit ha ordinato, ma è stato consegnato solo dopo diversi giorni.

Intanto che si attendeva l'arrivo dell'analizzatore, il 6 Novembre scorso un hacker (AlexP) ha ottenuto il controllo dei motori del Kinect. Microsoft ha cercato di mettere a tacere la notizia, dichiarando come il dispositivo non fosse stato affatto hackato, ma ciò ha portato solamente la Adafruit ad alzare la posta in gioco a 3000 dollari. AlexP ha poi pubblicato un video che dimostra come abbia preso controllo della videocamera del Kinect e dei sensori di profondità, rendendo pubblico il codice utilizzato nel caso in cui la comunità lo ripagasse per il lavoro fatto con 10.000 dollari. Questa mossa è una sorta di affronto rispetto all'etichetta degli hacker, ma in breve tempo la Adafruit ha spostato l'attenzione del pubblico postando i primi dati registrati dal Kinect. Ecco come gli hacker sono entrati in azione, guadagnando il controllo del dispositivo e apportando modifiche di vario genere.

Per effettuare l'hack del Kinect è richiesto OpenKinect, una serie di driver Open Source che sbloccano i potenziali del dispositivo. Trovate tutte le informazioni su OpenKinect, in lingua inglese, ai seguenti link:

OpenKinect Google Group
OpenKinect wiki
OpenKinect team members
OpenKinect source code repository
OpenKinect su IRC: #OpenKinect su freenode.net

Cattura dei video in 3D:

Lightsaber in tempo reale:

Muro di LED controllati da Kinect:

Kinect come controller midi:

Robot che utilizzano Kinect come sensori audio/video:

Due Kinect che lavorano insieme:

Dueling Kinects from flight404 on Vimeo.

Trovate tutta la collezione di hack sulla pagina della Adafruit dedicata.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: