Raytheon: nuovo esoscheletro XOS 2, sempre più vicino ad Iron Man

Traendo ispirazione da Tony Stark, Raytheon pubblicizza il debutto del nuovo esoscheletro XOS 2 puntando molto sul tema "Iron Man". In effetti, a colpo d'occhio, questo esoscheletro fa pensare subito al super eroe dall'incredibile ego. Raytheon ha sviluppato lo XOS 2 per aiutare l'esercito a sollevare e spostare carichi.

L'esoscheletro utilizza il potere idraulico per consentire di sollevare grandi pesi, è in grado di perforare il legno con un solo pugno, ma offre anche la massima precisione e delicatezza per il trasporto di esplosivi. L'unica cosa che allontana lo XOS 2 dal sogno Iron Man è il fatto che funzioni solo se collegato ad una fonte di energia.

La potenza di cui ha bisogno viene ancora fornita direttamente e ci vorranno almeno altri 8 anni di lavoro prima che l'esoscheletro possa lavorare in wireless. Al momento, quindi, più che una potente armatura, rimane un utile auto in più che consuma il 50% di energia in meno rispetto al predecessore XOS 1. Vederlo in azione, comunque, è interessante: un soldato può velocemente caricare o scaricare materiali pesanti, risparmiando tempo per compiti più importanti.

Dallo XOS 2 all'armatura robotica autosufficiente per il combattimento mancano ancora passi da gigante. Lo XOS può essere utilizzato solo al di fuori del contesto di battaglia vero e proprio, per le mansioni più prettamente industriali o organizzative. Potrebbe essere anche un valido aiuto in campo medico, per muovere, sollevare ed assistere i pazienti scortandoli al bagno o aiutandoli a cambiare gli abiti.

Dopo il salto trovate un altro video.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: