iPhone folgora un 28enne, ma il caricabatterie non era originale

La tragica morte di un 28enne che caricava il suo iPhone 4S con un caricabatterie non originale

foto iphone Un ventottenne è morto folgorato da iPhone 4S: l'ennesima tragedia firmata da Apple, che, però, questa volta non c'entra nulla. Dispiace dirlo, ma il caricabatterie non era originale e la vittima ha risposto al telefono mentre quest'ultimo era sotto carica: sono due cose da evitare nel modo più assoluto, non tanto la seconda - anche se sarebbe preferibile staccare il telefono dal caricatore, prima di iniziare a parlare con qualcuno - quanto la prima... Apple è stata molto chiara, dopo i casi verificatisi questa estate: il caricabatterie non può essere acquistato in vie illegali, perché i danni potrebbero essere irreparabili. Il ventottenne, infatti, è morto sul colpo.

Ricordiamo che in passato sono stati ben due i casi simili a quello che vi abbiamo descritto: in entrambi il caricabatterie non era originale e i consumatori sono entrati in coma profondo. Apple ha cercato di risolvere il problema aprendo una sezione apposita sul suo sito, cercando di far capire in tutti i modi a cosa sarebbero andati incontro coloro che avessero utilizzato batterie non originali, e proponendo la sostituzione del caricabatterie manomesso con uno originale a soli dieci dollari, presso gli Apple Store.

Più di questo, la Mela Morsicata non avrebbe potuto fare altro: ci auguriamo che la notizia abbia diffusione mondiale, affinché qualsiasi utente capisca l'importanza di acquistare componenti originali (non parliamo di cover, ovviamente, ma di elementi essenziali del telefono). Per il resto, ci uniamo al dolore della famiglia del ragazzo, perché al giorno d'oggi è tanto scandaloso quanto deprimente morire "di iPhone".

Via | Phone Arena

  • shares
  • Mail