FloBi, il robot espressivo


Dalla Bielefeld University tedesca, ci arriva notizia dell'esistenza di FloBi, un robot umanoide progettato per provare emozioni.

No, tranquilli, niente di catastrofico (almeno per ora), perchè FloBi non dovrebbe provare in realtà un bel niente, ma solo farci credere di sentire qualcosa: la sua faccia infatti è predisposta per assumere tutte le espressioni che noi conosciamo. Felicità, tristezza, sorpresa, paura, rabbia: sono tutti sentimenti che fanno parte del range di possibilità offerte dalla faccia di FloBi.

L'esperimento è interessante da due punti di vista: il primo è naturalmente quello dell'interazione uomo-macchina, che in questo caso diventa da una parte più solida perchè si cerca di trasferire il sentimento umano sul robot, ma che dall'altra si fa labile, grazie a un'estetica volutamente fumettistica e poco realistica; il secondo è un aspetto visivo, artistico, ma anche psicologico: FloBi infatti ci dimostra palesemente che per esprimenre un sentimento basta un piccolo cambiamento nella posizione delle labbra o delle sopracciglia. Linguaggio involontario del corpo o possibilità sempre più consapevole di manipolazione e di capacità attoriali?

[Via PlasticPals]

  • shares
  • Mail