Contour acquistata per quasi 2 milioni di dollari, un ritorno dopo la chiusura?

Clarke Capital Partners acquista la defunta Contour e parla di un possibile ritorno sul mercato action-cam.

Contour

La chiusura per fallimento dell'agosto scorso ha spazzato via Contour dal mercato action-cam, dove in quasi dieci anni di attività si era guadagnata una posizione di rilievo subito dietro al gigante GoPro. Il brutto destino potrebbe però ribaltarsi ora che la società d'investimenti Clarke Capital Partners -- già partner finanziario dell'azienda -- ha acquistato il brand per poco più di 1,9 miliardi di dollari.

Per James Clarke, boss di Clarke Capital, Contour ha ancora potenziale per affermarsi come una "ottima Pepsi alla CocaCola di GoPro, e si merita un'opportunità per riaffiorare". La manovra non è ancora conclusa ma verrà ufficializzata a breve e servirà sopratutto a preservare gli investimenti attuati in precedenza da Clarke.

"Contour può essere la Pepsi alla CocaCola di GoPro"

L'acquisto è sicuramente una buona notizia, ma è ancora presto per parlare di un ritorno sulla scena. Clarke afferma che sarà difficile che Contour tornerà quella di una volta, visto che poggerà su un'"organizzazione molto più leggera", pur mantenendo alcuni dei vecchi impiegati a cui è stato già chiesto di tornare a lavorare con l'azienda. Ci sarà anche un cambio di quartier generale, dallo stato di Washington allo Utah, sede di Clarke.

Oltre all'acquisizione e la ristrutturazione, c'è anche un ostacolo non da poco rappresentato dalle quasi 33 mila videocamere (non comprese nell'acquisto del brand) ancora in possesso di PCH International, la società di sviluppo prodotti che ha progettato e costruito tutte le action cam in partnership con Contour.

Contour è nata nel 2004 e rappresenta uno dei primi player nel segmento action-cam, con diverse generazioni di prodotti che hanno saputo differenziarsi da quelli di GoPro nella forma (allungata), nelle funzioni (GPS, laser per il puntamento) e nelle qualità ruggedizzate.

Via | GeekWire

  • shares
  • Mail