Windows RT 8.1 ritirato dallo store Microsoft, l'aggiornamento impedisce al tablet di avviarsi

Microsoft ha ritirato dallo store Windows RT 8.1 per problemi tutt'altro che semplici da risolvere

foto windows Una figuraccia atroce per Microsoft, che è stata costretta a ritirare Windows RT 8.1 dal mercato, a causa di alcuni malfunzionamenti fatti registrare dai tablet, dopo l'aggiornamento del sistema. Anzi, ci correggiamo: non è che le tavolette funzionano male; il punto, in effetti, è che non funzionano proprio: una volta scaricato Windows RT 8.1, infatti, è impossibile riavviarle e la procedura per la riattivazione - che Microsoft non ha ancora reso pubblica, visto che sta ancora lavorando al problema - è tutt'altro che semplice e intuitiva. Un vero e proprio pasticcio, insomma, che difficilmente può essere perdonato (tanto a Microsoft quanto a tutto il resto delle aziende concorrenti che dovessero trovarsi nella stessa situazione): come si può proporre un aggiornamento che, invece di migliorare le prestazioni della macchina, ne impedisce l'accensione?

Va detto subito, comunque, che il problema non riguarda un numero elevato di dispositivi, ma solo pochi tablet, che possono essere riportati alle condizioni iniziali solo grazie a un drive di ripristino. Sul forum Microsoft ha subito affrontato il problema, garantendone la soluzione quasi immediata:

"Microsoft - si legge - sta esaminando una situazione che interessa una numero limitato di utenti che hanno aggiornato i loro dispositivi Windows RT a Windows RT 8.1. Pertanto abbiamo temporaneamente rimosso Windows RT 8.1 dal Windows Store. Stiamo lavorando per risolvere la situazione il più velocemente possibile e ci scusiamo per il disagio. Vi forniremo aggiornamenti non appena disponibili".

Tutto dipenderebbe dalla corruzione dei dati di boot, una volta aggiornato Windows: un problema piuttosto serio, insomma. Quanto tempo bisognerà aspettare per la soluzione?

  • shares
  • Mail