Apple, la fuga dei dipendenti è il nuovo pericolo del futuro

Fuga dei dipendenti da Apple: è questo, secondo alcuni, il nuovo pericolo della compagnia (che continua a perdere ingegneri)

Tim Cook Grossi guai in casa Apple, e questa volta i problemi non riguardano la produzione o l'insuccesso di alcuni prodotti (che comunque non sono stati ancora presentati, visto che la conferenza stampa è prevista per il mese di settembre): a preoccupare Tim Cook dovrebbe essere, invece, la fuga dei cervelli; non sono pochi, infatti, gli ingegneri e i dipendenti che stanno lasciando la compagnia di Cupertino per cercare altri lavori.

A lanciare l'allarme sono stati Porrnima Gupta e Peter Henderson di Reuters, secondo i quali la società con Tim Cook non sarebbe più la stessa e sarebbero parecchi coloro che, dopo averlo capito, vogliono migrare in altre compagnie:

"Sono inondato di messaggi su LinkedIn ed email - ha spiegato un reclutatore di ingegneri alla coppia di Reuters - da persone che non avrei mai immaginato volessero lasciare Apple e da persone che sono state in Apple da un anno, entrate aspettandosi qualcosa di diverso da ciò che hanno incontrato".

Nuovi pericoli per Apple

Lo stesso discorso è stato portavo avanti da John Gruber, secondo il quale, se prima chi cercava talenti (i cosiddetti "cacciatori di teste") non aveva alcuna intenzione di perdere tempo con dipendenti di Apple - perché con la Grande Mela si stava benissimo -, adesso la situazione è cambiata notevolmente: molti non accettano le nuove politiche di Tim Cook e, come riportato dallo stesso Gruber a Business Insider, il pericolo per il futuro è proprio quello di perdere il capitale umano (che è la risorsa più importante).

Sarà davvero così terribile Tim Cook o è Steve Jobs quello inarrivabile?

Via | Business Insider

  • shares
  • Mail