Google Play, gli introiti del mobile gaming superano quelli delle console Sony e Nintendo

Secondo recenti analisi i consumatori di videogames investono maggiormente negli smartphone rispetto alle console portatili. Google Play Store supera Nintendo e Sony ed i suoi introiti combinati con quelli di Apple sono di quattro volte maggiori.



La piattaforma di distribuzione delle app di Google, il noto Google Play Store, è l’ecosistema che nei periodi più recenti ha avuto la crescita maggiore sia per quanto riguarda gli introiti che per la varietà dell’offerta. Il Play Store della compagnia di Mountain View e l’App Store di Apple, i due servizi dominanti nel mercato mobile, poggiano su solide colonne la più importante delle quali è quella del videogaming.

Dal momento della loro introduzione, una sempre più importante fetta dell’attenzione di sviluppatori e fruitori di videogames, si è rivolta in direzione di smartphone e tablet. Poco sorprendentemente il Play Store si porta avanti e supera la posizione delle console di Sony e Nintendo.

Google Play al secondo posto


Un recente studio composto dalle due firme IDC e App Annie, operanti nell’ambito della ricerca e delle analisi di mercato, indica che gli introiti combinati delle piattaforme portatili dedicate ai videogames Nintendo 3DS e Sony PS Vita siano stati superati da quelli ottenuti dal Google Play Store.

La piattaforma di Google si aggiudica quindi la seconda posizione rimanendo dietro a quella di Apple. I guadagni combinati dei due servizi, inoltre, sono quattro volte quelli delle due sopraccitate console ottimizzate.

Più che una vittoria per Google, che continua a guadagnare terreno verso Apple, si tratta di un segno della buona riuscita dell’offerta legata ai videogiochi per smartphone. In entrambi i contesti, quello del Google Play e quello dell’App Store, circa l’80% degli introiti deriva proprio da tale fonte che comprende tanto l’acquisto dei titoli quanto le spese in-app – lo studio non considera invece i ricavi pubblicitari.

Via | AllthingsD.com

  • shares
  • Mail