Google Glass tracciano lo sguardo e controllano gli oggetti

Ecco come i Google Glass controllano il nostro sguardo

Foto Google Glass Continuiamo a parlare di brevetti e di Google Glass, questa volta soffermandoci su una trovata che, almeno allo stato attuale dei fatti, è più utile a Google che a noi: di cosa parliamo esattamente? Di una tecnologia che, applicata agli occhiali di Mountain View, consente di controllare il movimento dei nostri occhi e di osservare quali oggetti vediamo, per quanto tempo, fino a quando non passiamo ad altro. Un vero e proprio tracciamento, insomma, che servirà a migliorare gli annunci pubblicitari.

Il sistema, di fatti, funziona attraverso la combinazione di ben due fotocamere frontali e una telecamera interna, che comunicheranno all'azienda quali sono effettivamente i nostri gusti: in questo modo Google potrà rendere gli annunci pubblicitari molto più mirati, rendendoli adatti a noi, quindi più produttivi per gli inserzionisti e, infine, per il colosso della ricerca. Non sappiamo altro, purtroppo, su come questa tecnologia possa essere sfruttata dall'utente a suo vantaggio (qualcosa che bolle in pentola, comunque, ci sarà senz'altro...).

All'uscita, i Google Glass potrebbero rivelarsi un prodotto di grande interesse presso il pubblico: è difficile fare delle ipotesi, perché le unità difusse in tutto il mondo - a 1500 euro ciascuna - sono davvero poche e sono possedute per lo più dagli sviluppatori; ciò che sappiamo finora, però, è che senz'altro questi occhiali potranno davvero rivoluzionare la vita degli utenti: pensate, per esempio, ai vantaggi per i paralatici; oppure ai benefici che ne potranno trarre non udenti e daltonici; insomma, pare che Google abbia davvero intenzione di essere leader del mercato con un prodotto mai visto prima (un po' come fece Apple quando lanciò iPhone). Dite che ci riuscirà?

Via | Phandroid

  • shares
  • Mail