Asus non abbandonerà Windows RT, ma i risultati non sono promettenti

I risultati di vendita del VivoTab RT sono tutt'altro che promettenti, ma per il CEO Jonney Shih non è ancora il momento per staccare la spina. Il focus rimane comunque quello sui tablet Intel con Windows 8 nella diagonale da 10".

Asus VivoTab RT

Non è un mistero che tutto l'ecosistema Windows RT si sia rivelato una delusione. Il market delle app cresce di volume, ma qualitativamente parlando siamo ancora lontani chilometri dallo standard e la ricchezza degli store di Apple e Google. Per non parlare dei tablet e gli ibridi che prendono polvere sugli scaffali dei magazzini e che hanno costretto i costruttori a ritirare i prodotti o ridimensionare i prezzi di un terzo.

Una situazione che conosce bene anche Jonney Shih, boss di Asus, che in alcuni brevi scambi con AllThingsD conferma che i risultati di vendita del suo ibrido VivoTab RT "non sono molto promettenti". Un flop che per Shih è dovuto essenzialmente alla mancata possibilità di eseguire le apps classiche del mondo x86, di fatto l'unico punto a favore di Microsoft quando si tratta di scegliere un dispositivo touch che possa fare più di quanto fanno gli iPad o i tablet Android.

Il focus è sui tablet Intel da 10" con Windows 8

Risultati che non promettono niente di buono per il futuro, ma che non ancora non scoraggiano Shih al punto di abbandonare la strada ARM/RT. L'idea in ogni caso è quella di focalizzare il segmento mobile Windows verso l'architettura x86, "dedicando tutto il tempo e l'energia verso i dispositivi Intel" con diagonale da 10 pollici.

L'approccio di Asus al "problema RT" è uno dei più moderati, basti pensare ad aziende come Acer che hanno preferito distanziarsi dalla piattaforma (criticando Microsoft per essere entrato sul mercato in veste di concorrente), oppure Samsung che ha ritirato il suo Ativ Tab dai mercati più importanti dopo gli scarsi risultati di vendita. Una strada seguita anche da Dell e Lenovo, che hanno rimosso l'XPS 10 e l'IdeaPad Yoga 11 dal loro store online.

Via | AllThingsD

  • shares
  • Mail