Droni e impiego negli Usa da parte della FBI

Negli Stati Uniti d’America impazza la polemica sull’uso eccessivo dei droni, dopo che il sindaco di New York aveva manifestato l’intenzione di estenderne l’impiego per motivi di ordine pubblico e sicurezza.

In effetti, se in certi casi si può anche ricorrere a strumenti del genere, estenderne l’impiego come se fosse un fatto di ordinaria amministrazione è una cosa fortemente antipatica, che si va ad aggiungere ai mille sistemi di controllo e sorveglianza cui sono sottoposti i cittadini, fin troppo vigilati nelle loro scelte e nelle loro dinamiche, anche quando questo non c’entra nulla con il tema della sicurezza, della violenza e degli attacchi terroristici.

Dosaggio limitato

Forse nel tentativo di alleggerire la tensione sui droni, l’FBI racconta i suoi numeri, cercando di smorzare l’allarmismo. Pare che gli uomini del Federal Bureau of Investigation abbiano fatto ricorso a questi robot comandati a distanza in soli dieci casi di indagine.

Il modello UAV, in dotazione all’agenzia, è stato usato in un numero limitato di occasioni. L’intervento di questo dispositivo aereo senza pilota è stato davvero sporadico, se le cifre rispecchiano la realtà effettiva dei fatti.

L’assistente del direttore ha detto che dalla fine del 2006 l’FBI ha condotto operazioni di sorveglianza utilizzando il sistema in otto casi di indagine penale e in due casi di sicurezza nazionale. Sembrano volumi di traffico tutto sommato digeribili, ma restano molti punti interrogativi.

Molti dubbi

Il rapporto indica che l'agenzia governativa avrebbe anche ricevuto l'approvazione per usare droni in altri tre casi, senza farvi ricorso. L’uso dei droni, oltre che fastidioso per la gente, cozza anche con il quarto emendamento della carta costituzionale degli Stati Uniti, che difende da controlli irragionevoli. Senza contare che il loro impiego è stato autorizzato con procedure interne, non essendoci mai stato un sostegno ufficiale da parte del governo, che deve anche lui rispettare la legge.

Via | Generation-nt.com

  • shares
  • Mail