Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag kinect

Qualcomm dimostra un'interfaccia in stile Kinect per tablet

pubblicato da Luca


Qualcomm ha dimostrato un’interfaccia alternativa per tablet, che invece di utilizzare il tipico input diretto via touch screen che trova posto sulla totalità dei dispositivi ricorre al riconoscimento dei gesti e alla tracciatura di vari movimenti e posizioni dell’utente. L’azienda di San Diego a dire la verità non inventa nulla, il sistema trova posto sulle console di Sony, Nintendo, Microsoft (e presto anche su PC) ormai da anni.

L’interfaccia in stile Kinect, che fa uso della videocamera frontale e si appoggia al veloce system-on-chip Snapdragon di Qualcomm, è stata dimostrata in un paio di video apparsi nei giorni scorsi nel canale YouTube ufficiale, dove vengono illustrati alcuni dei possibili usi dei comandi a gesti e del tracking dell’utente.

Gli scenari di riferimento sono due: un gioco in cui il personaggio reagisce ai movimenti dell’utente e una sorta di browser di ricette per la cucina, dove è possibile svegliare il tablet dallo stand-by e sfogliare pagine avanti o indietro, il tutto solo ricorrendo a gesti della mano e senza alcun input tattile. Il sistema è ancora in fase di beta ma potrebbe diventare presto una funzione diffusa su questo tipo di dispositivi. Continua dopo la pausa.

Continua a leggere: Qualcomm dimostra un'interfaccia in stile Kinect per tablet

....
condividi 0 Commenti

Hacking: un sistema fai-da-te per usare Kinect da seduti

pubblicato da Olivia

Chi possiede Kinect sa che il suo funzionamento dipende in gran parte dalla posizione che si assume davanti al suo sensore: occorre mantenere una certa distanza, rimanere in un certo modo nel suo quadro visivo e soprattutto è necessario essere in piedi, in modo che il corpo venga rilevato per intero.

Ebbene secondo qualcuno quest’ultimo punto potrebbe risultare scomodo: in fondo l’esperienza del gaming è spesso qualcosa che si realizza da seduti; dunque, anche sulla scia dell’idea di Kinect per pc desktop (e portatili), tale Steve ha provato ad elaborare il suo sistema per l’utilizzo di Kinect comodamente dal divano di casa, bypassando il riconoscimento di Microsoft Skeleton e utilizzando dei classificatori di Haar.

Il risultato pare riuscito: Kinect riconosce i gesti di Steve quando è seduto sul suo divano e, in più, riesce a funzionare anche con un sistema di riconoscimento vocale sempre implementato da Steve. Il connubio del futuro per quanto riguarda l’interfaccia tra i dispositivi elettronici e l’utente: gestualità e voce, senza più alcun contatto, senza strumenti come il telecomando, senza tasti. Solo il nostro corpo e gli schermi.

Se il progetto di Steve vi incuriosisce, a questo link trovate tutte le informazioni del caso.

Via | Hackaday

....
condividi 2 Commenti

Beamatron, un nuovo prototipo di realtà aumentata con Kinect by Microsoft Research

pubblicato da Olivia

Un team della Microsoft Research ha messo a punto un nuovo prototipo di realtà aumentata chiamato Beamatron, che mira a combinare la realtà fisica con quella virtuale.

Anche in questo progetto ritroviamo un sensore Kinect (ormai è come il prezzemolo) e il risultato, che potete osservare nel video, sembra quanto meno interessante, poichè la realtà virtuale interagisce con gli ostacoli reali.

A cosa potrebbe servire tutto questo? Il pensiero è che l’applicazione futura di una simile tecnologia abbia a che fare con la fruizione di contenuti e con la fitta connessione di cui ormai facciamo parte socialmente e individualmente.

Ad esempio, con una realtà simile potrebbe cambiare il nostro concetto di “notifica”: immaginate di leggere un giornale e di poter veder comparire direttamente nel vostro campo visivo l’avveiso dell’arrivo di un’email, di un messaggio o di una chiamata. Non sarebbe una svolta futuristica quasi da film?

Via | Ubergizmo

....
condividi 0 Commenti

Kinect in classe per nuovi scenari d'apprendimento

pubblicato da Olivia

Kinect a scuola

Kinect è stata una rivoluzione nell’anno in cui ha fatto la sua comparsa; e tra hack e utilizzi vari, Kinect ha riscosso un successo sensazionale, destando interesse in tanti campi diversi e facendo pensare a scenari futuri entusiasmanti.

Ma forse finora non si era ancora parlato approfonditamente di un ambito nel quale Kinect potrebbe riscuotere ancora più successo: la scuola, dove la tecnologia ha già fatto da tempo il suo ingresso con computer, LIM e in alcune zone del mondo più all’avanguardia, con tablet, ebook reader e anche smartphone.

Vi ricordate delle noiose lezioni frontali con insegnanti che spiegano e studenti svogliati che stancamente scrivono? Probabilmente i bambini delle prossime generazioni vedranno lezioni di quel genere come l’età della pietra. Sempre che iniziative come quella presa dalla maestra d’elementare Cheryl Arnett prendano piede.

Continua a leggere: Kinect in classe per nuovi scenari d'apprendimento

....
condividi 2 Commenti

Microsoft pensa a laptop con Kinect?

pubblicato da Olivia

Kinect laptop

Al CES 2012 si è parlato dell’implementazione della tecnologia Kinect su computer desktop; si è parlato anche di tecnologie simili da utilizzare con i televisori; sono invece di questi ultimi giorni i rumors che sostengono un futuro utilizzo dei sensori di Kinect sui computer portatili.

Da quando Kinect ha fatto la sua comparsa sul mercato, abbiamo visto innumerevoli hack e utilizzazioni fra le più disparate; ma si è trattato pur sempre di “esperimenti”, anche se in molti casi ad alto potenziale. Ora invece pare che sia proprio Microsoft a pensare di reinventare le modalità di fruizione e di interazione con dispositivi come i laptop utilizzando la sua “rivoluzionaria” Kinect.

Pare che pochi fortunati abbiano potuto testare in questi giorni prototipi ufficiali di portatili dotati di una serie di sensori di Kinect nella parte alta dello schermo, là dove solitamente si trova la normale webcam. Sembra si tratti per il momento di netbook Asus equipaggiati con Windows 8.

Continua a leggere: Microsoft pensa a laptop con Kinect?

....
condividi 1 Commenti

In Corea del Sud un parco a tema con Kinect

pubblicato da Olivia

Live Park Kinect

In Corea del Sud si trova un parco a tema unico nel suo genere, una meta che potrebbe diventare ambita per gli amanti del gaming in generale e di Kinect in particolare.

Si chiama Live Park, può accogliere fino a 3000 visitatori e vanta 65 attrazioni; la vera particolarità? Tutte le “giostre” si servono della tecnologia di Kinect per creare giochi ed esperienze particolari; inoltre grazie all’utilizzo di braccialetti RFID, gli utenti possono creare avatar e con quelli attraversare il parco, godendo dei suoi divertimenti.

Il parco è già stato definito il primo “4D avatar theme park” al mondo; giochi come “The Ender Mirror” o “Live360″ promettono esperienze di gaming finora soltanto immaginate. Se siete curiosi, su Kotaku trovate diverse immagini relative alle attrazioni.

Il Live Park potrebbe presto sbarcare in altri Paesi al di fuori della Corea del Sud: non lo trovereste anche voi un moderno “paese dei balocchi” (anche un po’ nerd)???

Via | Kotaku

....
condividi 0 Commenti

Controllare un robot a distanza grazie a Kinect e Wii

pubblicato da Olivia

Uno dei settori della tecnologia futuristica più interessanti, soprattutto per gli appassionati di domotica, è quello della telepresenza: presto con i robot potremo praticamente ritrovarci in due o tre posti contemporaneamente, controllando a distanza la casa, l’ufficio e qualunque altro luogo ci stia a cuore.

E per rendersi conto di quanto sia avvicinabile la telepresenza, basta guardare questo video, che mostra come l’ingegnere giapponese Taylor Veltrop sia riuscito a sviluppare un sistema fai-da-te di controllo a distanza per il robot Nao (sviluppato da Aldebaran Robotics) utilizzando due dispositivi comuni e nati appositamente per il gaming, Kinect e Wii Remote.

L’ingegnere indossa un head-mounted display collegato alle telecamere interne di Nao, per vedere “con gli occhi del robot”, cammina su un tapis roulant davanti a Kinect e muove le braccia tenendo in mano dei Wii Remote. In questo modo riesce a controllare tutte le azioni del robot, anche se la risposta del dispositivo non avviene in tempo reale rispetto ai movimenti di Veltrop.

Il prossimo passo in avanti implementerà al sistema altoparlanti e microfono, e forse il riconoscimento vocale per guidare Nao soltanto con la voce. Affascinante, non trovate?

Via | TheVerge

....
condividi 1 Commenti

Code Space, Microsoft mostra l'ufficio del futuro

pubblicato da Kiro

Negli uffici di oggi si usano ancora le lavagne con i pennarelli, i proiettori per le slide e i puntatori laser. Tra qualche anno, però, tutto potrebbe cambiare. Nei centri di ricerca di Microsoft, infatti, è nato il progetto Code Space per disegnare l’ufficio del futuro.

Introducendo tecnologie come schermi multitouch, smartphone, Kinect e connessione WiFi, le prossime riunioni potranno vedere numerose funzioni interessanti. Si va del controllo a distanza del contenuto dello schermo mediante le gesture, la condivisione dei documenti nei computer e nei telefoni, la modifica degli stessi sugli schermi principali mediante le mani e così via.

Attualmente le tecnologie di Code Space sono già disponibili. Microsoft le ottimizzerà e organizzerà un pacchetto per le imprese offrendo, oltre all’hardware, anche dei suoi software.

via | microsoft

....
condividi 0 Commenti

Spettacoli di luci e suoni con laser e Kinect

pubblicato da Olivia

Kinect è una fonte inesauribile di idee e di possibilità, e non solo per realizzazioni strettamente tecnologiche; quelle che vedono in particolare l’impiego dei laser e dell’audio insieme a al dispositivo di Microsoft, riescono ad esempio a risultare anche artisticamente interessanti.

Nel video qui sopra c’è una dimostrazione del potenziale insito in questo mix esplosivo: il protagonista può “dirigere” letteralmente un’orchestra di suoni e di luci semplicemente con i gesti.

La spettacolarità che ne potrebbe scaturire è paragonabile solo a un ipotetico spettacolo di magia, senza nemmeno l’ausilio di bacchette; anzi, è proprio un’intera forma di arte inedita che potrebbe farsi strada, una nuova e bellissima potenzialità per la musica elettronica, per la sua “naturale” evoluzione a braccetto con la tecnologia.

Insomma, le implicazioni sono tante e io francamente non vedo l’ora di poterle osservare più da vicino.

[Via Hacknmod]

....
condividi 0 Commenti

Hack e Kinect: una virtual dressing room avanzata

pubblicato da Olivia

Non è sicuramente la prima volta che vediamo Kinect alle prese con gli esperimenti di dressign room virtuali, ma in questo caso ne possiamo osservare una versione “riveduta e corretta”, che sfrutta in modo ancora più approfondito le potenzialità del dispositivo.

In questo progetto sono stati utilizzati i modelli 3D degli abiti per creare un’illusione ancora più veritiera: i vestiti infatti si muovono insieme al suo indossatore, dando l’impressione di aderire veramente al corpo.

Questa “avanzata” dressing room con Kinect ha però ancora molta strada da fare prima di considerarsi perfetta, almeno secondo le parole dei suoi autori.

Intanto per qualche dettaglio in più, vi rimando al sito del progetto (l’originale è in polacco!).

....
condividi 0 Commenti