I Google Glass non possono essere rivenduti o prestati, lo proibiscono i termini contrattuali

Non sarà possibile vendere, affittare o cedere in qualunque altro modo a terzi il proprio paio di Google Glass. Così stabiliscono i termini contrattuali per l’acquisto e l’utilizzo dei primi esemplari degli occhiali per la realtà aumentata.


Al momento, a meno di non essere tra i fortunati vincitori – sempre se di vittoria si può parlare – del concorso #IfIHadGlass, la cosa riguarda poco da vicino i comuni mortali. I nuovi esemplari appartenenti al mondo della tecnologia indossabile, i Google Glass, saranno distribuiti in numero limitato al variegato gruppo di individui che sono stati reputati adatti a sperimentarli.

Ma qual è il futuro dei termini di utilizzo di questi oggetti?

Google mette il guinzaglio ai Glass

I termini entro i quali la compagnia di Mountain View concede l’acquisto e l’utilizzo dei suoi Glass sono piuttosto chiari.

Non è possibile rivendere, prestare, trasferire o dare il proprio dispositivo a qualsiasi altra persona. Se il dispositivo sarà rivenduto, prestato, trasferito o dato a qualsiasi altra persona senza l’autorizzazione di Google, la compagnia si riserva il diritto di disattivare l’oggetto e né il possessore né la persona non autorizzata che fa uso del dispositivo avranno diritto ad un rimborso o di avvalersi del supporto o della garanzia del prodotto.

Oltre a ciò gli sviluppatori non sono autorizzati in nessun modo a diffondere avvisi pubblicitari attraverso i Glass né ad addebitare costi per il download di eventuali app.
Naturalmente tutto questo rientra perfettamente nell’idea che finora Google ha mostrato di avere del periodo di prova dei Glass ma non c’è alcuna indicazione su quali saranno i piani futuri per la regolamentazione degli occhiali elettronici, il cui uso è strettamente legato ai dati personali dell’utente.

Di nuovo su eBay

Non è nemmeno perfettamente chiaro quanto di tutto ciò vada in contrasto con la legge federale o quale sia il confine che Google ritiene inaccettabile oltrepassare o ancora quanto siano effettivamente sotto controllo gli utenti dei glass.

Un’altra asta è stata aperta su eBay e sembra non sia fittizia come nel caso di qualche tempo fa. Uno dei prescelti di Google ha messo in vendita sul portale il proprio paio di Glass il cui cartellino del prezzo ha raggiunto la cifra di 90.000$.

Il proprietario ha chiuso l’asta dopo essere venuto a conoscenza dei termini contrattuali non volendo dover rinunciare al proprio paio di occhiali ma dichiarandosi perplesso per come certe persone si sono dimostrate sconvolte dal suo tentativo di guadagno.

Via | news.cnet.com | wired.com

  • shares
  • Mail