Google e privacy, anche l'Italia tra gli stati europei pronti a sanzionare la società

GoogleGuai in vista per Google, che dopo la mancata risposta alle molteplici richieste dei garanti della privacy di 27 Paesi dell'Unione Europea verrà presto sottoposto a un'indagine che con molta probabilità comporterà azioni legali e sanzioni congiunte che potrebbero superare il milione di euro. Nel mirino, ancora una volta, c'è la politica unificata sulla privacy introdotta a marzo 2012 su tutti i servizi Google, che violerebbe le leggi locali (seppur diverse) di tanti stati europei. Continua dopo la pausa.

E la risposta sarà dura, forte dell'unione di sei stati europei, Italia compresa. L'annuncio è partito martedì dal CNIL, il garante francese, che intraprenderà un'azione legale congiunta di sei paesi che comprenderà anche Gran Bretagna, Olanda, Germania e Spagna.

La decisione congiunta arriva dopo lo scadere dei quattro mesi entro i quali i Garanti avevano chiesto a Google di modificare la sua nuova politica di gestione dei dati degli utenti, che stando al Big Brother Watch inglese sarebbero poste in secondo luogo rispetto al profitto. Di queste modifiche per ora non si è vista nemmeno l'ombra, anche se qualcosa potrebbe smuoversi in un prossimo futuro visto che questa settimana Google ha rimpiazzato Alma Whitten, vecchio boss della privacy con Lawrence You.

Le multe dei vari organi di controllo possono raggiungere le 500 mila sterline in Gran Bretagna o 300 mila euro in francia, una goccia nell'oceano degli immensi introiti della società californiana. Più sostanziosa invece la sanzione prevista dalle nuove regole della Commissione Europea proposte lo scorso anno, che propongono un meccanismo di sanzioni uniformi fino al 2% del fatturato e che possono culminare col blocco delle attività sul territorio europeo.

Via | Ansa | Guardian

  • shares
  • Mail