Facebook: copertura internet in zone remote con droni Aquila

Il gigante statunitense pensa a chi non può giovarsi dei suoi servizi.

Oggi essere tagliati fuori da internet è come trovarsi fuori dal mondo. Per servire le aree non coperte dal servizio, i grandi operatori si stanno attrezzando. Anche Facebook si pone il problema. I vertici del noto social network hanno pensato di affidarsi a velivoli in quota per distribuire il segnale. Il drone Aquila è il prodotto di questa ricerca.

L’aeromobile a pilotaggio remoto di cui stiamo parlando ha concluso con successo il suo primo volo, dove ha verificato empiricamente i risultati delle simulazioni. L’enorme macchina, alimentata da pannelli solari, vuole portare la rete nelle zone svantaggiate, per aprire nuove possibilità e scenari più in linea con l'era moderna, ma anche per conquistare sempre più utenti.

L’obiettivo è quello di fornire un accesso nelle zone coperte male o per niente. Con l'intento di raggiungere lo scopo si è scelto il cielo. L’uso multiplo di droni Aquila potrebbe consentire il servizio in aree remote, anche se temo che in condizioni meteo ostili qualche problema potrebbe esserci. L’idea di base, comunque, resta buona. Il primo test dell’apparecchio si è svolto in Arizona.

Via | Generation-nt.com

  • shares
  • +1
  • Mail