Galaxy Tab 8.9, recensito il tablet Android Honeycomb di Samsung

Samsung Galaxy Tab 8.9

Se siete confusi dalla scelta di Samsung di proporre una terza variante di Galaxy Tab, non siete i soli. Lo sono anche quelli di Engadget, che hanno recensito la variante da 8.9 della linea di tablet Android Honeycomb di Samsung. Il Galaxy Tab 8.9 va a collocarsi esattamente a metà tra il precedente Galaxy Tab 7.0 Pro e il 10.1 già sul mercato da diversi mesi. A prima vista può sembrare una cattiva idea arrivare a frammentare così tanto una linea di tablet, ma a conti fatti risulta una buona mossa per arginare lo strapotere di Apple che con il suo iPad 2 non offre alcuna scelta di formato se non quella dei 9,7 pollici.

Il Galaxy Tab 8.9 come era facile intuire non è altro che una riduzione del fratello maggiore, con piccole variazioni solo in alcuni particolari dello chassis. La risoluzione dello schermo rimane 1280x800 in formato 16:9 come il fratello maggiore da 10.1 pollici, con tecnologia PLS TFT LCD. Quello che si perde in superficie rispetto al 10.1 però si guadagna in densità di pixel, tutto a vantaggio del dettaglio sopratutto sul testo. Le altre caratteristiche del tablet sono una CPU dual-core Nvidia Tegra 2 da 1GHz, 1GB di RAM e una fotocamera da 3MP che nei test non brilla per qualità.

L'unica personalizzazione offerta sulla scelta del tablet è la dimensione della memoria interna, 16 o 32GB, purtroppo non espandibili tramite microSD. A conti fatti questo taglio "di mezzo" del Galaxy Tab risulta il compromesso migliore nella linea tablet di Samsung per ciò che riguarda portabilità, prestazioni e durata di batteria, che dai test di Engadget risulta di ben 9 ore e 21 minuti. Il Galaxy Tab 8.9 è disponibile in Italia a partire da circa 480€ per la versione da 16GB.

Samsung Galaxy Tab 8.9
Samsung Galaxy Tab 8.9
Samsung Galaxy Tab 8.9
Samsung Galaxy Tab 8.9
Samsung Galaxy Tab 8.9

Vota l'articolo:
3.60 su 5.00 basato su 5 voti.  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO