Mercato tablet 2014, 55 milioni negli ultimi tre mesi con Apple in calo del 10%

Buoni dati per il mercato tablet negli ultimi tre mesi del 2014: primeggia Android, con iOS in difficoltà

mercato tablet

Il mercato tablet continua a crescere e a far registrare dei dati assolutamente positivi: i dati che vi forniamo oggi sono stati pubblicati da Digitimes Research e riguardano la vendita delle tavolette dal primo dell'anno fino alla fine di giugno, quindi il primo semestre del 2014, ovviamente con particolare attenzione agli ultimi tre mesi. Vediamo tutti i dettagli.

La distribuzione dei tablet rispetto all'anno scorso è decisamente più elevata: parliamo, in effetti, di un aumento del 17.9% rispetto al secondo trimestre del 2013, anche se la società registra una diminuzione del 4.5% rispetto ai primi tre mesi dell'anno; l'aumento è lampante, insomma, rispetto a un anno fa, ma la diminuzione è altrettanto evidente rispetto ai primi tre mesi di quest'anno.

Approfondisci: cinque gadget che ti semplificheranno la vita

I numeri sono ancor più chiari: sono stati venduti ben 55.06 milioni di tablet dall'inizio di aprile fino alla fine di giugno, con iPad che, però, zoppica un po'; rispetto al primo trimestre di quest'anno, infatti, le vendite della tavoletta Apple sono diminuite del 10% passando a 14.1 milioni di unità. Non molto meglio, comunque, fanno i tablet Android e Windows nel complesso, visto che hanno fatto registrare 18.96 milioni di unità vendute (a cui si aggiungono 22.3 di unità white-box).

Brutta situazione - stando a quanto emerge dai dati forniti da Digitimes Research - per i modelli al di sotto dei dieci pollici: lo avevamo fatto notare qualche giorno fa parlando di Lenovo e Microsoft ma oggi ne abbiamo la conferma; pare, infatti, che le vendite dei tablet da otto pollici siano in caduta libera, ed è - come senz'altro avrete notato - una situazione completamente diversa dai primi anni, quando le piccole dimensioni erano graditissime. Staremo a vedere come si evolverà il mercato in futuro, anche se la tendenza in atto è davvero chiara.

Via | Digitimes

  • shares
  • Mail