Pebble 2.0, nuovo firmware e nuova App attese a giorni con app store

Per Pebble, il piccolo orologio smart che nella scorsa edizione del CES di las Vegas ha visto il debutto della versione Steel, i primi del 2014 è tempo di 2.0.

Pebble20

 

Imminente, infatti, il nuovo firmware che apporterà diverse novità alla creatura di Eric Migicovsky.

La nuova SDK 2.0 distribuita gli ultimi mesi del 2013 agli sviluppatori ha dato la possibilità di estendere ulteriormente le capacità dello smartwatch per antonomasia, oltre 300mila pezzi venduti nel mondo, e fra qualche giorno il tutto sarà reso pubblico.

Abbiamo voluto provare il firmware 2.0 per il Pebble nella sua ultima versione beta, la sesta, beneficiando anche della nuova app che sarà messa a disposizione in App Store, per iOS, e in Google Play, per Android. La grande novità è l’app store, vero e proprio negozio dal quale gli utenti potranno scaricare, e settare, watchfaces e app per il loro orologio.

Un negozio fornitissimo


Già centinaia, se non migliaia, le creatività messe a disposizione, pronte ad essere installate nei vecchi e nuovi Pebble. A questo proposito da Palo Alto hanno iniziato a inviare le mail a chi ha prenotato il nuovo orologio d’acciaio per avvisarli che le spedizioni inizieranno a breve, verosimilmente dal 28 gennaio.

8 slot per scaricare di tutto


Sono 8 gli slot a disposizione con la release 2.0 per l’installazione di quel che più ci piace nel Pebble, utility e giochi compresi. Come detto oltre a migliaia di watchfaces ci sono le app, suddivise nel negozio in daily, tool & utilities, notifications, remotes, fitness e games per dar vita a uno strumento che è molto più di uno smartwatch ma diventa un vero e proprio ecosistema da polso in cui lo smartphone non fa altro che collegarlo con l’esterno.

Notifiche, ora e molto altro


Sempre perfettamente funzionanti le notifiche, ora molto più veloci, di tutti la pioggia di eventi esterni che arrivano al telefono. Pebble si evolve, compie un anno e si prepara a un secondo non facile, con l’intento di attirare ancora migliaia di potenziali acquirenti, distratti dalle proposte della concorrenza che, come spesso abbiamo detto, nel 2014 sarà molta di più e molto più serrata che in passato. Ce la faranno Migicovsky e compari a rimanere i leader dell’interessante settore? Per ora ci stanno provando.

Vota l'articolo:
4.07 su 5.00 basato su 14 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO